Jessica Twentyman per Internet of Business.

Alla fine del 2017, a Sunnyvale, in California, è stato aperto un nuovo stabilimento di produzione che porta il concetto di fabbrica intelligente a un nuovo livello.

La struttura della fabbrica intelligente

La struttura appartiene a Quanergy, un’azienda specializzata nella produzione di sensori LiDAR (rilevamento luce e radar), in sostanza si tratta della tecnologia che consente ai veicoli autonomi di percepire l’ambiente circostante e di sterzare, frenare ed evitare collisioni.

La nuova fabbrica intelligente di Quanergy dispone di una linea di produzione completamente automatizzata ad alta capacità. La linea è dotata di attrezzature all’avanguardia per la manipolazione e l’imballaggio dei semiconduttori, tra cui un sistema di trasporto che collega le macchine lungo la linea che trasforma la materia prima dei wafer di silicio in sensori LiDAR finiti.

La struttura gestisce anche la calibrazione automatica e il collaudo finale dei sensori, secondo l’azienda, fornendo:

“alta qualità e affidabilità in un settore che finora si è basato principalmente sulla manodopera manuale per costruire LiDARS meccanici”.

La bellezza, ovviamente, è negli occhi di chi guarda – ma la Twentyman probabilmente non si sbaglia nel definire la “fabbrica intelligente” come un luogo in cui le tecnologie connesse consentono alle operazioni di produzione di diventare più efficienti e più reattive.

Sicuramente possiamo aspettarci di vedere più tecnologia connessa e fabbriche intelligenti nel settore manifatturiero nel 2018.

Leggi l’articolo completo in versione originale (english version): full article

Per maggiori dettagli su questo tema affascinante della trasformazione digitale circa la fabbrica intelligente, puoi dare uno sguardo all’articolo sulle ultime novità industria 4.0 (impresa 4.0) del 2019  e il nuovo voucher innovation manager.